PERCEZIONE

Lavoro con il video e il disegno. La percezione ha un ruolo molto importante nella mia ricerca artistica.

VIDEO

Spesso nei miei lavori video scelgo di utilizzare inquadrature che contengano solo dettagli e visioni frammentate.

DIFFERENTI PUNTI DI VISTA

Nei video, organizzati in doppie proiezioni, coesistono contemporaneamente differenti punti di vista, lasciando ai meccanismi percettivi dell’osservatore le scelte per ottenere una visione coerente.

RAGGRUPPARE

Davanti alle immagini, l’osservatore ridisegna, attraverso operazioni di raggruppamento formale, una nuova possibilità di spazio in maniera personale, più intima.

DISEGNO

Il disegno è un medium che ho utilizzato sia per la realizzazione degli storyboard dei video ma anche per disegni a sé stanti e piccole animazioni. Da sempre ne apprezzo l’essenzialità, prediligo soprattutto la freschezza e immediatezza del segno. Scelgo il codice bianco-nero per la sua qualità di asciuttezza, mentre utilizzo il colore quando scelgo gli acquarelli perché sanno dialogare in maniera diretta con la superficie del foglio.

Statement

PERCEPTION

I work with both video and drawing. Perception plays an important role in my artistic research because I have always dealt with images as entities that emerge from screens or sheets, floating on the surface in precarious balance in order to be visible.

VIDEO

In my video work, frames containing just details, partial views or two video shots are often used: in both cases observers need to make some choices in order to give meaning to these images.

DIFFERENT POINTS OF VIEW

Two channel video can contains two different points of view of the same space: it is the task of the observers’ perceptual mechanisms to obtain a coherent vision.

INTIMATE CLUSTERS

In front of the images, the observer redesign, through operations of formal arrays, a new space prospect in a personal way, more intimate.

DRAWING

Drawing is a medium I have used not just for storyboards but also for stand-alone drawings (and two short animations). I have always appreciated its essentiality, I prefer above all the freshness and directness that characterize mere signs. I choose either black and white code for its quality of dryness or colour code carried out with watercolour technique because I am interested in its relation with the surface of the paper.